Las Vegas: Demon's Table Game

Let the Rock Fall

Quando una missione "angelica" diventa personale

Master Chu: La stanza circolare è nel piano meno uno.
Accedendovi tramite l’apposita chiavetta, il piano sotterraneo è luogo della vera Infrastruttura.
Disposto ad ottangolo ci sono tutti i servitori, i professori e gli addetti dell’istituto.
Il Direttore è in forma materializzata e cosi tu ora. Non può toccare con le mani i sacrifici, ma solo usare le sue influenze e numina per controllare le menti.
Sei avvisato che è soggetto a debolezza contro ogni tipo di arma.
Al centro della sala, un enorme statua a forma di leone dalle fauci spalancate viene adorata dai settari, e Lara posizionata all’impiedi.
Master Chu: Le fauci della fiera di pietra iniziano ad animarsi , mentre due dei sei cultisti si apprestano a tenerla ferma.
Come in una versione lenta della Vergine di Ferro, Lara verrà schiacciata e trafitta dalle punte, morendo.
E il tuo compito sarebbe di presiedere e proteggere il rito dagli intrusi….
Turiel: La sharada che era durata per quasi sei mesi, fino al verificarsi della configurazione astrale giusta stava ormai per gioungere al termine e come sempre tutto era andato secondo i piani del Dio Macchina, Turiel osservava i Cultisti ed il Direttore mentre si apprestavano a compiere il loro dovere. Anche lui aveva un incarico: assicurarsi che il rituale non subisse imprevisti. L’umana sarebbe stata sacrificata e la nuova infrastruttura sarebbe divenuta operativa subito dopo. Ci erano voluti quasi sei mesi per rendere quella bambina una degna offerta sacrificale
…mesi nei quali aveva appreso a controllare ed adoperare il suo potere: era stato necessario affinché l’infrastruttura potesse operare da subito a piena potenza. La ragazzina si era inoltre affezionata in particolar modo a Turiel che in quei sei mesi aveva dovuto vegliare su di lei ma il Guardiano, non si era lasciato distrarre dalle attenzioni della giovane umana: badare a Lara affinché non le accadesse qualcosa prima dell’ora stabilita e assicurarsi che non tentasse di fuggire. Questo era il compito di Turiel e nulla più: tutto il tempo trascorso a giocare con lei, ad ascoltare i suoi sogni e desideri, scoprire cosa le piacesse e cosa no, era tutto irrilevante… già irrilevante! Eppure ora il Guardiano fremeva, la sua mano destra serrata a pugno era tutto un tremore… una grande ansia cresceva in lui…
Master Chu: E Lara iniziò a gridare: il dolore iniziava a farsi sentire, e si era spaventata. La sua curiosità aveva lasciato posto alla certezza: se qualcosa non succedeva al più presto sarebbe morta.
Il Dio Macchina parlò, la sua voce metallica e senza inflessione congiungeva le vostre menti, di Turiel e del Direttore dei Sacrifici Umani.
" Intrusi umani al piano zero. La telecamera è stata distrutta. Turiel, elimina gli intrusi: non farli arrivare sotto. Il rito non deve essere interrotto, la Fiaccola dei Due Fuochi deve essere assorbita completamente. Esegui." E’ stato un nanosecondo, ma tutto è chiaro e limpido nel suo ordine secco. Qualcuno stava arrivando, e Laura stava per morire, per venire poi divorata e assorbita nell’Infrastruttura…
Turiel: Alle urla di Lara l’asietà che Turiel avvertiva come una furiosa energia pulsante nel suo petto, cominciò a scalpitare come una bestia inferocita: il Gruardiano non aveva mai provato nulla di simile in vita sua: non era stato programmato a tale scopo e non sapeva dare un nome a quella sensazione che non lo abbandonava. Neppure udire la voce e gli ordini del suo padrone gli concesse del sollievo. Turiel provò ad obbedire al comando del suo Dio ma appena vece il semplice gesto di voltarsi per abbandonare la sala del rituale, l?Angelo si accasciò al suolo, urlando di dolore: era come se qualcosa si stesse staccado dolorosamente dal suo corpo…
Master Chu: Qualcosa non stava funzionando. Era questa la caduta? Ne avevi sentito parlare, avevi già difeso altre strutture contro assalti dei “difettosi”. Ma non avresti mai creduto di diventarlo tu.
Il tuo essere effimero stava ribollendo e condensandosi, come precipitare in un torrente di lava e uscirne fulmine composto di viva carne e nervi ipereccitati.
La sconnessione era un agonia, ma di brevissima durata. La realtà si stava assestando, mentre l’infrastruttura veniva trasformata dalla tua caduta. Lara veniva sbalzata via, mentre la testa di leone si illuminava e diventava un VERO , intero leone. Alle tue spalle, qualcuno stava scendendo dall’ascensore…il tempo di porre il tuo primo respiro e davanti ai tuoi occhi vedi l’orrore dell’angelo " Turiel…costituisciti subito, non è ancora troppo tardi. Possiamo riciclarti, svelto!"
Nel caso, ignorava bellamente i seguaci in preda al panico.
" Puoi ancora sacrificare la fiaccola, fungerò io da ricettacolo: Dio mi sta dando ora quel potere presto! Entra in me con lei!" ti dice, come fosse l’ultima speranza. E venire mangiato, assorbito, assieme a lei?
Ora che sei libero, senti l’aria nei polmoni e puoi fare quello che vuoi, senza dover più provare l’orrore di fare cose che non vuoi? Sta a te decidere, ma hai poco tempo.
Turiel: Resprava, sudava freddo e i suoi sensi non erano mai stati così vivi. Era quello essere umano? E l’agonia che aveva provato era la stessa che attendeva Lara? Ogni offerta sacrificale aveva dovuto sopportare una tale agonia? Turiel inorridì all’idea di essere stato complice di tutto ciò. No, lui non si sarebbe più sporcato le mani con simili azioni. “No…” Disse in un sussurro mentre riguadagnava la posizione eretta “…Io devo… proteggere Lara erano queste le mie direttive, l’adempimento del rituale comporterebbe il fallimento della mia missione.” La sua bocca era stata più veloce della sua mente, solo dopo aver pronunciato quelle parole, il Guardiano avvertì qualcosa di diverso nei suoi poteri e nel flusso di aether al suo interno: era limitato, estremamente limitato, avrebbe potuto battersi alla pari in quello stato?
“Lara!” Esclamò poi cercando frenetimamente la ragazzina con lo sguardo. Era ferita e doveva essere soccorsa, Turiel si accinse a raggiungerla, dimenticandosi per il momento del leone e del Direttore…
rolling 5d10
(3+6+2+8+2)=21

Master Chu:
rolling 2d10>8!
(7+10+5)=1 Successes

Turiel:rolling 2d10
(6+10)=16

Master Chu:
rolling 1d10>8!
(9)=1 Successes

Lara per tutta risposta , sanguinante ma per il resto illesa si rialza. " Grazie…portami via, ti prego!" E si nasconde dietro di te, spaventatissima.
La prossima mossa tocca proprio a Turiel, mentre l’angelo è ancora sgomento e farà la sua mossa per ultimo…
I cultisti si sono organizzati con una certa alacrità, e anche se con miseri coltelli e pugnali stanno tenendo a bada il leone.
Non sono cosi inesperti nel combattimento, ancora nessuno di loro è morto sbranato, ma molti sono feriti e si mettono in formazione.
Sono abituati ad agire in gruppo, pare…

Turiel: “Resta vicino a me!” raccomando Turiel a Lara. I cultisti erano ancora alle prese col mostro, l’unico vero ostacolo per Turiel era il Direttore dei Sacrifici: impugnò la sua glock e la fece scarrellare “Ti chiedo di lasciarci andare!” Ordinò puntando l’arma contro il suo ex compagno.

Master Chu: Lara è impaurita, e qualcosa non sta andando bene. Si tiene il fianco, e inizia a tremare di paura.
" Non… non ce la faccio…non lo tengo più".
Un momento singolo di silenzio.
Poi il boato di qualcosa che esplode.
Una bolla di energia cinetica si irradia dal suo corpo, investendo te, il leone e un paio di cultisti.
La scossa elettrica è forte, seguita subito dopo da…qualcosa di indefinibile.

Master Chu: I muri, il pavimento, tremano, ma non come per un terremoto. E come se porzioni dei muri, soffitto e pavimentano si stiano ANIMANDO.
L’angelo sta mutando forma, c’è una trasformazione in atto.
Turiel: La scarica elettrica investe turiel in pieno, anche il leone e un paio di cultisti ne sono vittima e tutto questo mentre il Direttore decide di fare sul serio e mutare forma “Lara sta calma!” Turie ordina alla bambina mentre ancora cerca di riprendersi dallo shock elettrico che lo ha steso a terra. La pistola è ancora stretta nel suo pugno, a fatica la punta contro l’angelo che sta mutando e fa fuoco tre volte…
rolling 6d10
(1+9+5+6+6+1)=1 success

Master Chu: Nonostante le difficoltà, Turiel riesce a colpire con relativo successo l’angelo, mentre la sua figura si contorce brevemente ed evapora nel punto che era la spalla.
Adesso l’angelo assomiglia di nuovo alla bocca del leone.
Lara ti rimane incollata, piangendo.
La trasformazione è finita, e l’angelo sta usando i suoi poteri conttro di te.
Cerca di fiaccare la tua determinazione con un potere a te sconosciuto.
rolling 8d10>8!
(9+3+8+6+6+7+5+7)=2 Successes

Turiel: Turiel poteva avvertire la volontà del Direttore di insinuarsi nella sua mente: doveva resistere!
rolling 3d10>8!
(1+3+3)=0 Successes
((oops toppato))
rolling 9d10>8!
(4+2+1+10+5+2+1+3+7+3+6)=2 Successes

Master Chu: Il leone è stato ucciso dopo una mossa combinata dei cultisti, dove uno ha fatto da esca per farlo partire all’assalto e gli altri lo hanno colpito tutti ai due fianchi.
La creatura giace morente, ma gli invasori sono arrivati. Sono i genitori di Lara! Ma come hanno fatto ?
Ora però hai altro a cui pensare…

Turiel: Dopo aver sconfitto il Direttore in un duello di Volontà, Turiel decise che il tempo delle richieste era concluso: puntò la sua arma mirando in mezzo agli occhi del mostruoso leone angelico….((Lancio per Hellfire e spendo 1 aether))
Master Chu: [annullata l’azione per colpa mia, sorry]
L’angelo a contatto con la sua Piaga, ha perso la condizione Manifesta. Tenterà di ri manifestarsi tra poco però.
Turiel: Il Direttore era temporaneamente fuori combattimento,era l’occasione ideale per tentare la fuga, ma l’uscita dalla sala rituale era presidiata dai cultisti. Turiel prese sottobraccio Lara un po’ bruscamente come se fosse un sacco di patate e poi, cominciò a correre a testa bassa come un giocatore di football che tenta di guadagnare la meta…
…Evocò a se il suo Aegis per avere protezine

Master Chu:
rolling 4d10>8!
(2+9+5+3)=1 Successes
rolling 6d10>8!
(6+8+4+6+2+3)=1 Successes

Turiel:
rolling 7d10>8!
(4+5+7+6+3+7+8)=1 Successes

Trafelato e tutto dolorante Turiel si rifugiò nell’ascensore coi genitori di Lara dopo aver driblato i fanatici del Dio Macchina. Cavolo! Essere umani era davvero una schifezza! “Voi siete i coniugi Winter?” Chiese alla coppia di umani ansimando “Come avete fatto a trofarci?”
Master Chu: Mary Renard per tutta risposta guarda il tuo scudo e con un rapido scatto assesta un pugno allo stomaco ad un cultista troppo vicino a voi, che si piega a terra.
Jonathan chiude l’ascensore e riabbraccia Lara.
Jonathan " Abbiamo i nostri mezzi… qualcuno ci ha avvisato. Ma tu…che COSA sei?" ti guarda con un espressione intensa e spaventosa. C’è qualcosa in quell’uomo di inquietante, che pretende verità…e farà di tutto per estrartela!
rolling {6d10!>9}>8
{(4+9+4+7+5+2+5)}=1 Successes

Turiel:
rolling 5d10>8!
(2+5+5+7+8)=1 Successes

Il babbo di Lara era certo un personaggio carismatico, ma non abbastanza per trattare alla pari con Tuiel “Dirò tutto a tempo debito quando saremo fuori pericolo!” Fu la risposta secca del Guardiano “Per ora sappiate che sono dalla vostra parte… anzi, dalla sua.” Aggiunse posando lo sguardo su Lara.
Master Chu: Mary Renard annuisce " E’ come ti dicevo… lui è dei nostri. E’ il guardiano di Lara ora. Tesoro." e si rivolge a Lara.
" Tu ti fidi di lui? Vuoi rimanere con lui?"
Lara annuisce " E’ stato lui a salvarmi…lui può farmi da guardiano…è quello che vuole Lui vero? Me lo sento pure io…"
Jonathan non pare per niente d’accordo .
" E io dovrei lasciare nostra figlia in mano ad un perfetto sconosciuto!? Non se ne parla : Qashmallim o no io non mi fido… " si stringe più forte la bambina.
" Non è umano, questo è chiaro…gli esseri umani non hanno uno scudo incorporato." ti guarda con i suoi occhi…e giureresti per un attimo che sono rossi come quello sinistro di Lara. Ma è solo un momento, forse un riflesso… o forse no.
Master Chu: Siete arrivati al piano terra, e fuori c’è la macchina pronta per farvi fuggire. Fortunatamente non c’è altro ingresso per il piano di sotto, e la mamma prende una sedia per bloccare l’ascensore dal farlo chiudere.

Turiel: “Anche voi non siete persone comuni.” Battibeccò Turiel osservando come i coniugi Winter si erano comportati fino ad allora “Avete ricevuto un addestramento speciale, dico bene?”

Master Chu: Mary sorride " che c’è di strano? Sono pur sempre una culturista no? E “Occhi belli” …" si interrompe vedendo l’espressione seria del marito.
" Si. Non siamo persone normali. Siamo “diversi”. " dice secco mettendosi allama guida.
Da li riprende il discorso .
" Per ora ci teniamo lontani da qui… siamo stati traditi. Doveva essere un porto sicuro… io vado al quartier generale, e voi con me." dice animato e infervorato.
Lara però scuote il capo.
" Papà, io devo fare i miei compiti…e non posso andare con te a Milano." Il padre le fa un cenno ammonitore.
Master Chu: " Possiamo fidarci di lui…lui mi proteggerà, lo so. Fidati di me, perchè se voi non ve ne andate, io non potrò fare la mia parte…" gli dice decisa.
Lara guarda la mamma . " Mi mancherai tanto mamma…" e si abbracciano teneramente.

Turiel: “Coloro che hanno attentato alla vita di vostra figlia, ci riproveranno tra breve, hanno nisogno di lei per compiere il loro piano e quando avranno riparato i danni tenteranno nuovamente…” Disse Turiel mentre l’automobile procedeva per la sua strada “…sono nemici potenti e con alleati ovunque e solo io posso fronteggiarli… perchè…” Il Guardiano si ammutolì temendo di aver parlato un po’ troppo.

Master Chu: Jonathan " Come si chiamano? Qual’è l’organizzazione?" dice asciutto.

Turiel: “Se ti dicessi che vi siete messi contro un Dio mi crederesti?” Replicò Turiel con un’altra domanda “Si tratta di una situazione complicata ma cercherò di essere chiaro…” E così Turiel cominciò a raccontare del Dio Macchina, di come le sue infrastrutture si estendessero per tutto il globo, parlò di Angeli e Demoni e della loro guerra e per finire raccontò di se stesso, di quale fosse la sua missione e del perché aveva tradito “…e questo è tutto, mi dispiace.”
rolling 8d10>8!
(2+7+2+5+6+3+6+6)=0 Successes
rolling 1d10>8!
(10+4)=1 Successes

Master Chu: La tua copertura risente di questa onestà e sincrità cosi potente. Hai vuotato il sacco, rivelando tutto e la tua copertura sfrigola sulla tua persona, diventando meno solida. Ma è ancora presente…

Turiel: Il Demone avvertiva una sensazione di disagio: era avvenuto qualcosa alla cua copertura, chi aveva detto che la sincerità paga sempre?
Master Chu: E in effetti è proprio la sincerità che si innesta come priorità. Le sue sub routine hanno ingranato troppo a fondo questa necessità.
Col tempo si auto-correggerà nei suoi processi quantici, ma per un ora non potrà dire nemmeno una bugia guardando in viso le persone con cui parla.

Turiel: Nell’auto era sceso un silenzio di tomba, era una di quelle situazioni dove nesuno sapeva cosa dire e pertanto nessuno osava parlare per primo, Turiel si azzardò a parlate “Certo che… stanotte fa freddino…” la buttò lì tanto per rompere il giaccio.

Master Chu: Jonathan scuote il capo.
" Non ha senso… l’inferno non è quello di cui parlate. Questo è quello che credete, o una bella favoletta." le sue mani stringono forte il volante.
Mary da parte sua sembra invece più incline a crederti,
Mary: " John, ricordati che ci sono sempre strati su strati di misteri tra le tenebre… forse nemmeno lui sa tutto, ma io gli credo. Abbiamo avuto quella Visita…e grossomodo, è andata come aveva previsto. Il pellegrinaggio è finito per me…ma non per altri. E il sogno di Lara , è anche il nostro… "
Jonathan " A loro non importa un accidenti se vivete o morite! Potrebbero usare le vostre morti per i loro scopi! Non possiamo fidarci cosi, e Lara rimarrà con me, che lo vogliate o meno! " il suo tono è minaccioso, e l’aura di potere che aveva prima non è sparita, ma pare leggermente aumentata addirittura.
Lara sussurra qualcosa alla madre.

Turiel: “Capisco la vostra diffidenza…” Rispose Turiel anche se in realtà si sentiva tutt’altro che comprensivo: dopotutto, anche se per motivi differenti anche il Guardiano nutriva della gelosia nei confronti di Lara proprio come Pel di Carota John, si accorse in un secondo tempo che mentre affermava di comprendere, aveva rivolto lo sguardo verso il finestrino come a voler evitare il contatto visivo coi presenti, questo lo seccò “…ad ogni modo, solo io ho i mezzi per fronteggiare quel tipo di minaccia.”

Master Chu: Mary annuì alla piccola e abbassò tutto il finestrino, mentre la piccola si riparava il capo scoperto con le mani, forse sentiva freddo con il vento della notte.
" Turiel scendi dalla macchina immediatamente" disse lei come un ordine.
Jonathan fermò la macchina annuendo.

Turiel: Turiel scopri di non essere più il tipo che obbediva ciecamente “Cosa succede?” Volle sapere, sembrava che stesse per accadere qualcosa e non gli piaceva l’idea di non sapere nulla.
Master Chu: Mary guardò Lara " Ora fai la brava, mi raccomando." e le diede in mano un portafogli.
State oltrepassando una strada vicino ad un incrocio, le macchine si stanno per incolonnare prima del semaforo che sta diventando rosso.
Jonathan ripetè le parole di lei. " Scendi, grazie dell’aiuto ma ce la caveremo da soli."
Mary invece aprì di scatto lo sportello, permettendo a Lara di saltare via da lei, e iniziò a rotolare sull’asfalto.
Mary " Turiel, seguila e proteggila!

Master Chu: Lo fermo io!" e si mise a fissare con freddezza lo stupefatto marito.
Turiel: Turiel questa volta non se lo fece ripetere due volte, si precipitò fuori dall’auto per raggiungere la piccola Lara. Raggiunta la bambina la prese in braccio e cominciò a correre con lei tra le sue braccia “Cosa succede, tu lo sai Lara?” Qualcosa gli diceva che i guai non erano ancora finiti per quella notte.

Master Chu: Lara " Papà si preoccupa per me…e per la mamma. Ma io e lei abbiamo un compito…lo dobbiamo fare per tante , tante persone. Anche se a lui dispiace ed è preoccupato. E’ brutto quando litigano però… ho deciso che ha ragione mamma." ti dice solo questo e si mette a piangere, guardandosi indietro.
Riesci a portartela in giro anche se qualcuno grida, ma il grosso del macello lo stanno facendo i genitori. Le urla di Jonathan sono le più alte…
" La mia bambina! RIdammela!!"
La cosa brutta è che stai passando per rapitore, e con lo scudo al braccio, sei facilmente riconoscibile.

Turiel: Così non andava bene: John Pel di Carota era fuori dai gangheri e di questo passo il Guardiano sarebbe finito per sembrare il cattivo della situazione. Doveva evitare di attirare ulteriormente l’attenzioe quindi decise di dispettere il suo Aegis che in ogni caso non poteva proteggerlo dalla gelosia di un padre… Turiel con la bambina in braccio si infilò nel primo vicolo utile, e lì tentò di riprendere fiato…
rolling 5d10>8!
(4+7+3+6+1+9)=2 Successes

Turiel rimase lì in trepidante attesa di vedesi arrivare qualche poliziotto, buon samaritano o lo stesso John, ma i secondi passavano e non accadeva nulla…
Master Chu: La copertura aveva retto, e non era solo. Qualche luce di torcia intermittente aveva attirato la sua attenzione.
Tre persone erano nel vicolo con lui e gli sorridevano, una batteva le mani come ad un applauso.
Due uomini e una donna.
La donna reggeva la torcia.
" Tutto come previsto, siamo demoni anche noi. Mi chiamo Delizia, alla mia destra Contraccolpo, e alla mia sinistra Isaac. Abbiamo tenuto d’occhio la situazione… bel lavoro." ti dice.

Turiel: Turiel mise a terra Lara “Dietro di me.” Le ordinò poi torno a rivolgersi ai tre figuri “Come faccio a sapere che non vi manda Lui?” Chiese Turiel sospettoso: se erano tre Angeli quelli che gli stavano davanti e non tre Demoni, allora era spacciato non sarebbe riuscito a cavarsela questa volta “Io sono pronto a vendere cara la pelle se sarà necessario, riferiteglielo!”

Master Chu: L’uomo chiamato “Contraccolpo” annuì " Bravo, è questo lo spirito giusto. Non solo hai rovinato l’infrastruttura, ma hai portato in salvo un essere umano. Sarebbe fighissimo che facessi squadra con la nostra Agenzia sai?"
Sembra allegro e colloquiale, in netto contrasto con la donna.
Isaac rispose a sua volta.
" Non può fidarsi di noi per niente: ha bisogno di prove. La mia Agenzia offre una copertura nuova per i demoni appena liberati. Siamo i Croupier: con noi sei al sicuro."
Doveva averlo preparato prima, e dalla manica fa uscire un rotolo di pergamena.
Sai cosa vi è scritto, cosa sia. E’ un Patto. Ne avevi ricordo come Angelo, ma ora…hai informazioni nuove. Sapresti farne uno…e riconoscerlo alla vista.
Master Chu: Lara è confusa e ti guarda interrogativa. " Ma li conosci?"

Turiel: “No…” Rispose anche lui in effetti era confuso come la ragazzina “…ma dovrebbero essere come me…” La pergamena tra le mani del tipo allegro sembrava provare che erano davvero Demoni e gli stavano offrendo un nuova copertura. Quasi istintivamente allungò la mano per raccogliere la pergamena ma all’ultimo istante esitò “Ora credo che siate Demoni, ma cosa volete in cambio di quel documento? So bene che non è un omaggio.”

Master Chu: La donna annuì " Certo. Ognuno di noi tre lavora per un Agenzia diversa.
Las Vegas ne ha tre, e ognuna offre una copertura nuova ai nuovi arrivati. E’ utile: se sei appena fuggito, il Dio Macchina sa chi sei ora. Ci mette nei guai in questo modo. E poi… se fossi un angelo non potresti usarla. E siamo in caso tre contro uno. Non siamo spaventati all’idea. " la sua voce è inflressibile.
Contraccolpo " La mia Agenzia è libera: non ci interessa andare a testa bassa contro la Macchina o gicoare a fare i signori del potere. Ci interessano i demoni , e siamo “liberi”. Condividiamo informazioni, e quelli come me formano squadre con quelli delle altre due agenzie. In questo modo, manteniamo un minimo di cooperazione e protezione reciproca."
Turiel: Lo sguardo di Turiel ricadde su Lara: doveva proteggerla, non poteva permettersi di andare in battaglia contro il Dio Macchina e inoltre, doveva mantenere un profilo basso. Contraccolpo sembrava offrirgli le condizioni migliori “Ho bisogno di non attirare l’attenzione, devo mantenere un profilo basso per proteggere lei…” e con un cenno indicò la sua protetta “…e la sua famiglia, devo poter gestire la loro sicurezza come meglio credo.”

Master Chu: Contraccolpo ti porge la mano.
" Simile attira simile: sei un guardiano vero? Anche io. Seguo una doppia agenda: sono un Integratore E Sabotatore.
Sono dell’idea che il Dio Macchina possa “cadere” esattamente come i suoi angeli. Bisogna solo mettergli “abbastanza” pressione, perchè lavori fuori dai suoi schemi.
Almeno è la mia speranza." fa spallucce.
Isaac pare deluso e batte i palmi per attirare la vostra attenzione.
" Va bene, possiamo continuare altrove la questione. Ovviamente la bambina può venire con noi… c’è un bel negozio di dolci che potrà aprire in via straordinaria stasera, vero Marianna?"
Master Chu: La donna annuì.
Siete proprio sul retro del suo negozio " Il Segreto di Arianna".
Una pasticceria.

Comments

gabriele_logozzo

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.